Google+

lunedì 20 giugno 2016

Recensione semiseria di "Il magico potere del riordino" di Marie Kondo

Sinossi (da Amazon.it): Un’infinità di oggetti di ogni tipo (abbigliamento, libri, documenti, foto, apparecchi, ricordi…) ci sommergono all’interno di abitazioni e uffici sempre più piccoli e ci soffocano. Col risultato che non troviamo mai quello che davvero ci serve. Nel libro che l’ha resa una star, la giapponese Marie Kondo ha messo a punto un metodo che garantisce l’ordine e l’organizzazione degli spazi domestici… e insieme la serenità, perché nella filosofia zen il riordino fisico è un rito che produce incommensurabili vantaggi spirituali: aumenta la fiducia in sé stessi, libera la mente, solleva dall’attaccamento al passato, valorizza le cose preziose, induce a fare meno acquisti inutili. Rimanere nel caos significa invece voler allontanare il momento dell’introspezione e della conoscenza.  


Eh sì, l'ho letto anche io. Giaceva - non letto, e so che se ne sta pentendo - nella libreria di mia mamma, sapevo che nel giro di un paio di giorni mi sarebbe toccato riordinare e ho fatto che incamerarlo.
E ho fatto bene, perché questo libro mi è piaciuto tantissimo. Ma non nel senso che voleva la Kondo, direi. Nel senso che ho finito di riordinare a modo mio e ogni tanto mi prendevo delle pause per leggerlo, rotolarmi dalle risate sul divano e sottolineare le parti più utili a prenderla per il culo ridicolizzare il tutto.

Ma partiamo dall'inizio. Il volumetto si legge in fretta, non è pesante, anche se spulciando alcune recensioni ho notato che molti lettori l'hanno trovato noioso perché l'autrice continua a ripetere due concetti in croce: effettivamente è vero, ma dopo le prime venti pagine ho capito che la lettura andava affrontata solo per cercare gli spunti (per me) comici e ho saltato alcuni passaggi.
La signora Kondo, va detto, mette in ordine le cose dall'età di tre anni: già alla materna leggeva riviste per casalinghe e successivamente tornava a casa da scuola e senza nemmeno togliersi l'uniforme si metteva a riordinare. In alcuni casi le è anche capitato di cadere a terra semisvenuta per aver riordinato troppo. Dopo un po' di tentativi ha individuato il metodo giusto per riordinare e ha iniziato a tenere corsi sul riordino, alcuni dei quali alle SEI E MEZZA del mattino. Va beh.
Forse i suoi genitori avrebbero fatto meglio a portarla da uno psicologo, ma è anche vero che se l'avessero curata non avrebbe fatto tutti i soldi che ha. Detto altrimenti, se la vostra nevrosi può farvi diventare ricchi e famosi datevi una mossa.

Il succo del suo metodo è: buttate tutto ciò che non vi serve e trovate una collocazione per quello che resta. Punto. La selezione va fatta partendo dai vestiti, per poi passare ai libri, alle carte e concludendo con le fotografie e i ricordi, perché ovviamente sono le cose più difficili da buttare.
Per capire cosa buttare e cosa no dobbiamo prendere ogni singolo oggetto in mano e capire se ci fa battere il cuore. Se ci suscita delle emozioni positive va tenuto, altrimenti buttato. E' fondamentale ringraziare tutti gli oggetti che buttiamo, anche il vestito pagato 400 euro e mai messo perché ci stava di merda non ci valorizzava: "Grazie, abito delle balle, che mi hai fatto capire cosa mi sta bene e cosa no!". Ora, io non so se nella cultura giapponese sia normale ringraziare gli oggetti, però a me la cosa suonava leggermente ridicola.
Da sottolineare che i clienti di Marie Kondo al termine del lavoro di selezione si ritrovavano con un numero impressionante di sacchi di immondizia a testa, e "riuscivano a vedere il pavimento". Insomma, a me sarebbe utile riuscire a tagliare il cordone ombelicale con certi feticci inutili ma il pavimento lo vedo benissimo ed è pure molto pulito, per cui forse il suo metodo è adatto soprattutto ai disordinati patologici.
Una volta finito il lavoro di selezione è necessario trovare un posto a ogni cosa, ordinando tutto per categoria, senza nessuna eccezione, mettendo in posizione più accessibile ciò che si usa più spesso.
L'autrice sostiene la non - utilità dei vari sistemi di organizzazione quali divisori e contenitori ma ci invita a utilizzare le scatole delle scarpe e i loro coperchi. A me sinceramente verrebbe male ad avere l'armadio zeppo di scatole di scarpe ma tant'è.
A questo punto saremo persone molto felici perché abbiamo fatto ordine e siamo riusciti a liberarci di ciò che non ci serve.  Le nostre stanze saranno belle come camere d'albergo (!!!) e noi prima di andare a dormire sorseggeremo rilassate una tisana come le donne delle riviste.
Non metto in dubbio che un ambiente ordinato giovi al corpo e alla mente, ma sinceramente trovo la celebrazione del potere del riordino un po' eccessiva.
Mi pare anche impossibile che la pigrizia non conduca a ritrovarsi di nuovo con un po' di disordine, ma pare che ai clienti della Kondo non accada.

Di seguito alcuni dei suoi consigli pratici che più mi hanno... colpito.

  • Piegate tutti i vestiti che potete. Lasciate appesi solo quelli che vi paiono felici di essere appesi.  Gli altri piegateli in modo che stiano in VERTICALE. Ora, o io sono stupida o la Kondo si spiega malissimo, fatto sta che se un'amica non mi avesse mostrato delle foto non avrei mai capito cosa intendeva. In sostanza si tratta di piegare gli indumenti come le commesse di Intimissimi piegano slip e canottiere. Sinceramente dubito che per le polo possa funzionare e soprattutto mi chiedo, come fa chi non ha cassetti? Tutto nelle scatole da scarpe, presumo.  Sempre parlando di vestiti, ricordatevi di non appallottolare le calze. Non riescono a riposare.
  • Libri: tenetene il meno possibile, solo quelli che vi fanno battere il cuore, gli altri buttateli senza pietà. Anche quelli che non avete ancora letto, perché significa che non li leggerete mai. La Kondo è fortunata che mia mamma appartenga a quelle folli che non buttano i libri prima ancora di leggerli, perché altrimenti avrebbe potuto dire addio al suo quarto d'ora di celebrità su questo blog.   In realtà la regina dell'ordine non è sempre stata così estremista coi libri. In passato ha tenuto quelli che contenevano delle frasi che l'avevano colpita. Poi ha deciso di copiare quelle frasi, ma siccome ci voleva troppo tempo ha deciso di strappare le pagine contenenti quelle frasi e di incollarle su un quaderno che nel giro di poco ha buttato perché si è accorta che non le faceva battere il cuore. Chissà come mai.
  • Mettete più cose possibile in verticale, comprese le carote che vanno messe nello scomparto delle bottiglie. Non ci è dato sapere dove debbano andare le povere bottiglie...
  • Svuotate ogni giorno la borsa, e trovate una collocazione adatta a tutte le cose che contiene, portafoglio compreso. Solo così la povera borsa potrà riposare. Non dimenticate di ringraziarla appena rientrate a casa la sera, perché ha fatto un duro lavoro. A essere sincera, da quando ho letto questo paragrafo ho cominciato a eliminare sistematicamente i "rifiuti" dalla borsa ogni sera e a ricoverare tutti gli spiccioli nel portafoglio, ma svuotarla tutta ogni sera anche no, dai. E se devo uscire di corsa all'improvviso che faccio?
  • Non appoggiare niente sulle superfici di cucina e bagno: effettivamente è vero che se asciugassimo e riponessimo sempre i bagnoschiuma faremmo meno fatica a pulire la vasca, però non puoi dirmi, Kondo, che devo asciugare i piatti e le pentole sul balcone al sole. Non puoi dirmelo perché si da il caso che io abbia una lavastoviglie, e soprattutto abito a Schweinfurt, con vicini che fumano e grigliano sotto le mie finestre. E tu abiti a Tokyo, cazzo, a Tokyo!  Il sole sarà anche un disinfettante come dici tu ma se ti ritrovi con tre teste sappiamo perché.

Sono stata un po' estrema, qualche buon consiglio c'è. Aiuta a capire che di alcune cose possiamo e dobbiamo davvero liberarci, anche se forse quello che serve davvero è imparare a non comprare fuffa.
Però...  :)

Lettura consigliata? Assolutamente sì. Fatevi due risate!


1 commento:

Mamma Avvocato ha detto...

Concordo con te!!!